Scroll to Content

Percorrendo la strada che da Orvieto porta alla frazione di Morrano mi era capitato di intravedere su di un’altura una sorta di costruzione …
Il sito però rimane ben nascosto e solo da alcuni punti precisi e d’inverno, quando la vegetazione allenta la morsa, è effettivamente possibile rendersi conto della presenza di mura diroccate.
Si tratta dei ruderi di Castel Peccio un insediamento fortificato posto su di una collina che domina un’ansa del fiume Chiani.
Così un bella giorna del Gennaio 2014 con l’amico Marco decidiamo di andarlo a vedere.
La collina presentava, purtroppo, un taglio del bosco recente e fatto con noncuranza: erano stati  lasciati sparsi ovunque rami, tronchi, fogliame … un vero disastro.
Ci siamo quindi dovuti arrampicare a fatica camminando su questo ‘tappeto‘ informe e scomodissimo.
Arrivati in cima si individuano soprattutto basamenti di mura, una torre, vari ambienti, finestroni e in basso il perimetro di quello che doveva essere un cortile interno.

Il panorama sulla valle sottostante è comunque molto bello.
Di questo luogo non ho notizie particolari se non che un certo Simone di Castel Peccio viene citato nelle cronache orvietane del 1400.
In un successivo sopralluogo ho trovato delle grotte scavate nelle vicinanze e dei muri di contenimento del fosso sottostante.

One Comment

  1. bellissime foto! Ottimo lavoro. Complimenti

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *