Scroll to Content

Il cosiddetto ‘grottone‘ è un’affascinante caverna, di dimensioni importanti, che si apre in un costone tufaceo nella zona S.O. del lago di Bolsena.

Su larga parte delle pareti furono scavate nicchie ad arcosolio e fosse di varie dimensioni: si tratta chiaramente di un luogo di sepoltura.

Ma è quando si vanno da osservare le varie gallerie che, partendo dall’ambiente principale, si infilano ancora di più sotto terra, che il quadro si completa: si tratta infatti di catacombe.

In questo caso vengono identificate come catacombe cristiane del IV-V sec. d.C.

Tra l’altro il Grottone è, in alcuni punti, pieno di terra di riporto e di tantissimi sassi, se si potesse ripulire risulterebbe molto più grande, non sappiamo quanto, ma in uno degli ambienti si intravede (in basso sotto i sassi che fanno da ‘pavimento’) un ulteriore livello di sepolture.

C’è anche un passaggio ipogeo, da un ambiente all’altro, che è quasi interamente occluso dalla terra.

Non è facile stabilire se la grotta sia naturale o artificiale probabilmente è una cavità naturale che è stata allargata di molto, forse per farci una cava e, solo successivamente, un luogo di sepoltura.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *