Si tratta di una serie di 3 grandi grotte (più una quarta più piccola) affiancate che si aprono in una rupe vulcanica orientato ad EST nel territorio di San Lorenzo Nuovo (VT)

La grotta n.1 misura circa 5m di larghezza ed è alta 4,5 / 5 m e profonda una quindicina di metri.
Nella volta si distingue un incavo più stretto, trapezoidale.

La particolarità della grotta è che ospita sulla parete di sinistra 3 grandi nicchie di 1,20 m di larghezza, 2 m di altezza e 1,20 m di profondità.
Queste nicchie sono sopraelevate dal suolo (attuale) di 60 / 90 cm.
Risultano scavate a mano a colpi di piccone (Maleppeggio).

Nella parete destra sono distinguibili come delle tracce verticali abbozzate e poste a distanza prestabilita l’una dall’altra.
Se scavassimo alternativamente le tracce (una si ed una no) otterremmo nuovamente una sequenza 
di nicchie, proprio come sulla parete di sinistra, ho creato un fotoritocco per spiegare il concetto:

La stessa grotta n.1 presenta in alto sulla parete di fondo un cunicolo ogivale, molto stretto ed alto poco più di un metro di andamento curvilineo.
Il cunicolo doveva essere preesistente in quanto lo scavo della grotta lo ha diviso in due tronconi, uno dei quali è stato intercettato dalla grotta n.2

La grotta n.2 è stata probabilmente regolarizzata con un mezzo meccanico, a giudicare dai segni sulla parete, non è quindi possibile stabilirne forma e dimensioni originali.
Sul lato SX, in alto, è visibile il cunicolo ogivale che proveniente dalla grotta n.1
Sul lato DX, sempre in alto, c’è una grossa nicchia.

La grotta n.3 ha dimensioni approssimative di 5 m di larghezza e 6 di altezza.
Purtroppo è usata per accatastare dei “rotoloni” di fieno e quindi non è esplorabile.
Tuttavia osservando bene è stato possibile notare la presenza di grandi nicchie sia sulla parete destra che su quella sinistra.
Ho notato che 2 rotoli di fieno sovrapposti (ovvero 2 m e 30cm misurati) sono leggermente più alti delle nicchie, che quindi sembrano avere la stessa altezza (2 m) delle nicchie della grotta n.1
Non è stato possibile capire quante sono le nicchie ma se ne intravedono diverse sia sulla parete destra che sulla sinistra.
Anche la grotta n.3 ha intercettato un cunicolo (di dimensioni del tutto analoghe a quello della grotta n.1) ad andamento grossomodo trasversale rispetto alla grotta.
Il cunicolo quindi risulta diviso in due tronconi, uno visibile sulla parete SX e l’altro sulla DX.

Adiacente alla grotta n.3 è visibile, in alto a DX, una grande nicchia solitaria che ricorda quella presente nella grotta n.2

Da notare che sia le nicchie che le grotte stesse presentano segni di scavo manuale, non sono quindi opera di scavatrici moderne. Inoltre osservando bene si nota che lo scavo non ricorda quello di una cava di materiale, anche perchè non avrebbe molto senso visto che i materiali che le compongono sono frutto di depositi vulcanici di varie tipologie e scarsa consistenza, friabili …

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *