Scroll to Content

Pitigliano è terra Etrusca, terra di vie cave, necropoli, insediamenti rupestri, colombari …
La via cava dei Fratenuti forse non è tra le più visitate ma, quanto a bellezza, è sicuramente all’altezza delle altre.

Da queste parti si trova il Romitorio dei Fratenuti, così chiamato perchè anticamente vi era
una “Tenuta di Frati“, secondo un’altra versione però il nome deriverebbe da “Frati Muti“, ovvero dei monastici che praticavano il voto del silenzio.
A Pitigliano, un antico racconto, tramanda che quando c’era la peste i monaci portavano proprio qui
i malati, per accudirli e limitare il contagio.

Il Romitorio, piccolo ma molto suggestivo, lo abbiamo visitato in un bella mattinata d’Inverno e c’è piaciuto molto per la sua atmosfera di dimenticato luogo di assoluta solitudine, come doveva essere un tempo, e per come è inserito nel paesaggio, spettacolare, che lo circonda.

Al Romitorio si accede tramite un breve corridoio scavato nel tufo, attraversando una porta rifinita che conduce nel primo ambiente, rettangolare dove sono state ricavate delle ‘finestre‘ ed una mangiatoia.
Dalla parte opposta c’è un secondo ambiente più piccolo, quasi un ripostiglio.

I vari utilizzi nel corso dei secoli confondono le idee: quello che a noi sembra un corridoio era forse il dromos di un’antico luogo di sepoltura ?
E’ forse per questo che in origine l’ambiente non doveva avere delle finestre (che sono rozze, successive?)
ed era quindi buio, non areato: non adatto alle persone ‘vive’.
Ed ancora: le nicchie sui lati dell’ingresso furono fatte dai frati in epoca medievale ?
Che utilità poteva avere la seconda grande porta che fu aperta a lato di quella principale ?

Non lo sapremo mai.

Ma, in fondo, a queste domande senza risposte siamo abituati: sappiamo che questi luoghi parlano soprattutto con il linguaggio dell’immaginazione, occorre sedersi, con calma, ed ammirare in silenzio il grandioso paesaggio, come sicuramente hanno fatto lungamente quelli che qui hanno vissuto secoli fa, ed è così che -forse- si riesce a stabilire un contatto che pur non dando risposte, riesce a far arrivare, all’altra parte, il modo umile e rispettoso con il quale noi, curiosi esploratori moderni, abbiamo approcciato i loro luoghi e siamo certi che i nostri antenati, apprezzeranno…

~ ~ ~ ~
gatto Difficoltà: GATTO (cosa vuol dire ?)

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *