Scroll to Content

La visita alla Rupe di Castiglioni nasce da una viaggio in … autostrada …
Transitando infatti sulla A1, poco prima di Orte, avevo scorto questo bello sperone roccioso, affacciato sul Tevere.
Poi, sul finire dell’inverno 2014-15,  mi accorgo che si intravede sopra di esso una costruzione.
Allora la cosa si fa interessante“, ho pensato, “bisogna salirci sopra….” ed ho quindi cominciato a studiare la zona scoprendo che in quel punto sorgeva l’antico porto romano di “Seripola”, c’è infatti un sito archeologico visitabile nonostate l’alluvione del 2012 e l’incuria ne abbiano seriamente peggiorato le condizioni.

Seripola, porto romano
Seripola, porto romano

Dopo un primo sopralluogo effettuato in estate con Floriana, durante il quale non era stato possibile capire dove fosse il punto di accesso, decidiamo di ritornarci con l’amico Marco Scataglini nel Dicembre del 2015.
Dopo una breve visita alle rovine del porto, percorriamo tutta la circonferenza della rupe, da sotto, ma chiaramente dal lato rivolto verso il Tevere è impossibile salire…
Dall’altro lato, invece, pur non essendoci un sentiero (adoro queste situazioni) ci infiliamo tra i cespugli e ci troviamo in breve al di sotto del costone roccioso dove si aprono delle grandi caverne.
Dopo aver scattato alcune foto cominciamo a cercare un punto dove salire, che in effetti troviamo arrampicandoci (ma nemmeno troppo) tra i massi… ed alla fine siamo sopra, proprio davanti ai ruderi della torre datata al IX – X secolo d.C.
Il panorama è molto bello ed ampio, sulla valle del Tevere, anche se ‘disturbato’ dalla presenza dell’autostrada e della linea ferroviaria.
Mentro lo ammiro penso a come invece doveva essere il colpo d’occhio in epoca antica.
La torre è in parte crollata ma conserva il suo fascino e, cosa particolare, ha al suo interno un colombaio.
Continuando ad esplorare il pianoro troviamo resti di mura e di un’altra costruzione, ampia e diruta anch’essa, della quale però non è chiaro l’utilizzo al quale era destinata.

Sul percorso di ritorno Marco coglie l’attimo (anzi l’inquadratura) e tira fuori dalla macchinetta questo capolavoro:

shot by Marco Scataglini
shot by Marco Scataglini
volpe Difficoltà: VOLPE
(cosa vuol dire ?)

 

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *