Un impianto per la produzione di energia idroelettrica molto ben conservato. | Senza Sentiero
Scroll to Content

Un impianto per la produzione di energia elettrica molto ben conservato.

Come funzionava la centrale idroelettrica: a monte della struttura, un corso d’acqua veniva convogliato in una vasca di accumulo e da qui incanalato in una condotta forzata che scendeva, con una forte inclinazione, a valle, acquistando così molta forza.

L’acqua entrava nella struttura e faceva girare una turbina alla quale era collegato un alternatore che  generava corrente elettrica.
Completavano la struttura alcuni quadri elettrici di controllo.
L’acqua usciva poi all’esterno e veniva smaltita tramite un apposito canale.

Centrali idroelettriche di questo tipo si diffusero tra le fine dell’800 e i primi del ‘900 e rimasero in funzione fino agli anni ’40/’50 circa.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *